Roccastrada – Martedì 4 dicembre con il laboratorio di partecipazione

Ciclopico, il progetto di partecipazione dedicato alla Ciclovia Tirrenica, farà tappa a Ribolla, nel Comune di Roccastrada, domani, sabato 1° e martedì 4 dicembre con due iniziative finalizzate a coinvolgere le istituzioni, i cittadini, le imprese e le associazioni interessate alla tutela e alla valorizzazione Ciclopico fa tappa a Ribolla: domani, sabato 1° dicembre la ciclopasseggiata e dei territori che si trovano sia lungo la Ciclovia, asse cicloturistico di interesse nazionale che dal confine con la Francia raggiunge Roma,.
La prima iniziativa sarà la “ciclo passeggiata di ascolto” di domani, sabato 1° dicembre. Il ritrovo è alle ore 10 alla Porta del Parco di Ribolla, in Piazza della Libertà. L’evento è aperto a tutti e il percorso è molto facile, con circa 4 km in pianura. Per partecipare, basta una bicicletta in buone condizioni e non è necessaria preparazione tecnica o abbigliamento particolare. Pedalando insieme ad alcuni esperti di cicloturismo e di partecipazione, sarà possibile confrontarsi sulle reali opportunità per il territorio e sull’eventuale presenza di criticità allo sviluppo del cicloturismo nell’area. Il secondo evento è il laboratorio di partecipazione territoriale che si terrà martedì 4 dicembre, dalle ore 17 alle ore 22 presso la Porta del Parco di Ribolla, in Piazza della Libertà. Anche il laboratorio è aperto a tutti e servirà a elaborare insieme idee e progetti su come favorire lo sviluppo del Cicloturismo nelle aree interne della Maremma non direttamente toccate dal tracciato della Ciclovia. Ai partecipanti al laboratorio sarà offerta una cena a buffet.
“Il Comune di Roccastrada – aggiunge l’assessore all’ambiente e al turismo, Emiliano Rabazzi – sta investendo molto nella promozione del proprio territorio e nel suo sviluppo sostenibile e il progetto Ciclopico rappresenta una bella opportunità. La valorizzazione della Ciclovia Tirrenica, infatti, coinvolge non solo i territori costieri ma anche quelli più interni come il nostro.

Commenta: