Piombino – Il Golfo c’è !!! Espugnata Cesena

Capitan Bianchi nel finale, con due prodezze, cancella i brutti ricordi

Vittoria di un importanza enorme per Piombino a Cesena, vittoria che lascia accese le speranze playoff, con le ultime due piazze per la kermesse finale, li a soli due punti e che da più respiro a quelle di una salvezza diretta. Ma in un finale di stagione regolare che è un autentico groviglio di gare, fra recuperi e ultima di campionato, ci sono ancora nove squadre in quattro punti a contendersi entrambi gli obiettivi e quindi tutto può ancora accadere.

Piombino era obbligata a vincere e prova ad incanalare la gara sui binari a lei preferiti, coach Cagnazzo schiera un quintetto basso in partenza, con Bianchi, al posto di Pistolesi, con l’incarico di francobollare il bomber avversario Dell’Agnello e di colpire dal perimetro in attacco. Questa è l’arma che Piombino sfrutta nel quarto di avvio, rapida circolazione di palla e soluzioni perimetrali, per mettere in diffcioltà i più fisicati avversari, che schierano fin dall’inizio Pavicevic e Dell’Agnello. Ma dall’altra parte anche Cesena prova a sfruttare le sue armi migliori, infatti i due sopracitati, saranno due autentiche spine nel fianco della difesa gialloblu, infatti sia coi piazzati dalla media, che da sotto, non sbaglieranno quasi mai, Dell’Agnello segnerà 23 punti con 10 su 15 da due e Pavicevic 12 con 6 su 6 da due. Nel primo quarto è il gioco dei gialloblu ad avere ragione, un precisissimo Mazzantini, dopo aver aperto l’incontro, segna 8 punti senza sbagliare mai, lo assistono i canestri di Bianchi, Turel ed Eliantonio, mentre Cesena non trova altre soluzioni oltre a quelle dei due lunghi e solo dal pitturato. Si va così al primo riposo con un buon bottino offensivo per Piombino, 24 punti contro i 18 dei bianconeri. Nel secondo parziale la difesa dei locali stringe un po’ più le maglie e l’ingresso di un brillantissimo Trapani, fa spostare l’ago della bilancia dalla parte dei padroni di casa, in difesa si appiccica alla canottiera di Venucci, non facendolo respirare e costringendolo sempre a scaricare la palla ai compagni, senza mai fargli vedere il canestro ed in attacco con le sue penetrazioni, batte spesso il difensore di turno, facendo canestro, o subendo fallo. Ma anche grazie all’assoluta sterilità dei locali dalla distanza, Piombino, nonostante i soli 13 punti segnati, riesce a respingere i vari tentativi di rientro, chiudendo ancora in vantaggio sul 33 a 37. Nel terzo dopo un buon avvio del Golfo, con la bomba di Venucci, i canestri di Eliantonio, quasi infallibile dalla media, 7 su 9 nel match e Turel, che portano più volte i gialloblu sul più 7, arriva la rimonta dei cesenati, con Dell’Agnello e Trapani, con l’ex Stella Azzurra che firma il primo sorpasso al minuto 27.  I gialloblu però non mollano e una bomba di Turel gli permette di chudere avanti di uno il parziale, 55 a 56. La prima bomba casalinga, di Terenzi, da il là ad un tentativo di fuga di Cesena nel quarto finale, più 6, ma arriva l’incidente a Pavicevic, scontro con Mazzantini e partita finita per lui. È forse l’episodio decisivo della gara, Cesena perde così la superiorità fisica ed i riferimenti in attacco, infatti perderà molti palloni e segnerà solo 9 punti nei restanti 7 minuti. Piombino non fa troppo meglio, almeno fino agli ultimi giri di lancette, ma mentre Cesena spreca dalla lunetta, 4 su 10 nell’ultimo quarto, il Golfo si ricorda di avere dei grandi tiratori dalla distanza e capitan Bianchi firma la svolta del match con due bombe consecutive, che portano i suoi da meno 4 a più 2, a poco più di un minuto dal termine. Cesena chiama subito il timeout, ma al ritorno in campo Dell’Agnello fa solo 1 su 2 ai liberi e dall’altra parte Venucci tira fuori dal cilindro una bomba delle sue, per il più 4 a 16’’ dalla sirena. Seguono gli errori di Frassineti e di Bianchi, a nulla serve la bomba di Terenzi a un secondo dalla fine, con Eliantonio che sigilla la vittoria dalla lunetta, 73 a 76.

Stefanini Stefano (Ufficio Stampa Basket Golfo)

Tigers Cesena – Solbat Golfo Piombino 73-76 (18-24, 15-13, 22-19, 18-20)

Tigers Cesena: Giacomo Dell’agnello 23 (10/15, 0/2), Diego Terenzi 12 (2/6, 2/6), Filip Pavicevic 12 (6/6, 0/0), Emanuele Trapani 9 (2/5, 0/1), Matteo Frassineti 7 (1/5, 0/3), Matteo Battisti 6 (2/4, 0/1), Pietro Agostini 2 (1/3, 0/0), Nicolas Alessandrini 2 (1/1, 0/1), Andrea Dagnello 0 (0/0, 0/3), Cesare Casali 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 17 / 24 – Rimbalzi: 42 7 + 35 (Giacomo Dell’agnello 16) – Assist: 19 (Emanuele Trapani 6)

Solbat Golfo Piombino: Mirco Turel 21 (3/9, 3/13), Giacomo Eliantonio 20 (7/9, 0/2), Camillo Bianchi 14 (1/2, 4/9), Saverio Mazzantini 11 (2/3, 2/4), Mattia Venucci 6 (0/1, 2/5), Francesco Galli 2 (1/3, 0/2), Giorgio Calvi 2 (0/2, 0/0), Vincenzo Guaiana 0 (0/0, 0/1), Niccolò Pistolesi 0 (0/3, 0/0), Nikola Carpitelli 0 (0/0, 0/0), Andrea Tracchi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 15 / 19 – Rimbalzi: 35 8 + 27 (Camillo Bianchi 7) – Assist: 12 (Mattia Venucci 6)

Commenta: