Campiglia Marittima – ZTL VENTURINA TERME: UNA SOLUZIONE PER TUTTI

Concluso il percorso di confronto, via alla sperimentazione da settembre.
A breve nuova soluzione viabilistica per la Ztl di Venturina Terme. Si è concluso con l’assemblea pubblica di giovedì sera in largo Sbarretti il percorso di confronto tra la giunta comunale e la cittadinanza nelle sue varie articolazioni (associazioni di categoria, commercianti, cittadini). La sindaca Ticciati ha illustrato quella che ha definito la proposta di mediazione che, a partire dal quadro conoscitivo, sintetizza tutte le sollecitazioni che sono arrivate. La filosofia è quella di portare chi arriva a Venturina da nord e da sud, a toccare tutti i parcheggi disponibili prima di uscire dal centro, così da poter sostare nelle immediate vicinanze della Ztl, cuore pulsante del centro cittadino, centro che non può stare né senza attività commerciali vitali, né senza quel circuito di persone, residenti o visitatori, che sono il bacino potenziale di lavoro del commercio stesso. Parcheggi, problema sì o no? Per le abitudini locali e per il successo che hanno i nuovi centri commerciali, progettati con parcheggi numerosi e comodi, i parcheggi rappresentano senza dubbio un valore aggiunto per ogni attività, per questo il nuovo progetto ha puntato al loro incremento: un parcheggio sarà ricavato dal terreno della Telecom e potrebbe consentire l’ingresso in centro sia da largo Sbarretti sia, con passaggio pedonale, da via Mazzini. (Nell’area i tecnici stanno verificando a che profondità scorrono i cavi per definire il progetto). Un incremento di posti, nel medio-lungo periodo, sarà possibile anche grazie alla riorganizzazione del parcheggio posto tra via Gorizia e via Fiume. Non ancora praticabile invece l’ipotesi di utilizzo pubblico del parcheggio privato di via F.lli Bandiera, poiché su questo punto l’amministrazione comunale non ha trovato piena condivisione da parte dei proprietari. Una cartellonistica adeguata avrà lo scopo promozionale dell’area a tutto tondo.
In sintesi, la nuova soluzione trovata, consistente nell’ingresso del traffico da nord con uscita in via Trieste e ingresso da sud con uscita da via Fratelli Bandiera e da via Mazzini, va incontro alla necessità di rivisitazione da parte dei commercianti che hanno investito e fatto il loro progetto lavorativo nell’area, ma risponde e preserva anche l’esigenza forte espressa dalla cittadinanza di avere una parte della città dedicata all’incontro e al passeggio sempre chiusa al traffico, che è quella delimitata dai lampioni a papavero. In più da una certa ora della sera in particolare d’estate, da individuare con i commercianti, c’è la volontà di chiudere al traffico tutto il tratto compreso tra via Dante Alighieri e via Cerrini.
Dal pubblico è arrivato l’apprezzamento per la tempestività e la qualità della proposta, il fatto che si mantengano i parcheggi gratuiti, il fatto che si siano ascoltati tutti i vari attori in campo. “Ripercorrendo la storia ultraventennale della Ztl fino all’attuale situazione in cui si è creato un clima conflittuale tra tutte le parti in causa – ha commentato la sindaca – abbiamo voluto aprire un confronto per riconciliare le varie sensibilità nel nostro percorso, durante il quale abbiamo parlato con tutti, e affrontare la situazione attuale con gli strumenti possibili, il tutto dando una risposta di mediazione in modo tempestivo. Ci diamo l’orizzonte temporale di fine anno per fare le valutazioni e per apportare gli aggiustamenti che saranno necessari”.

Commenta: