Piombino – LE PRIME ANALISI SULLA MORTE DEI DELFINI PARLANO DEL PERICOLO DDT

Sono arrivate le prime analisi tra quelle previste relativamente alle morti per spiaggiamento dei delfini in questi ultimi mesi. L’università di Siena avrebbe accertato che a creare i problemi a questi animali, molto amati per la loro vivacità dall’uomo, sarebbe la presenza nelle acque marine dei “Ddt”. Lo studio legato alle analisi ha convenuto che i delfini morti avevano tutto lo stomaco vuoto come se ci fosse qualche patologia li avesse indeboliti tanto da non riuscire più a nutrirsi. Se non mangiano i delfini vuol dire che sono sotto stress. Inoltre non abbiamo trovato plastica nello stomaco. Ulteriori analisi hanno evidenziato che dal momento che quando i delfini non si alimentano iniziano a consumare il grasso che si trova accumulato sotto la pinna dorsale e si è accertato che nel grasso che i delfini utilizzano c’è una forte concentrazione di Ddt

Commenta: