Grosseto – «Aspettando te». All’Aurelia Antica la storia vera di Raffaele Giuliano

Sabato 9 febbraio la scrittrice Agata Florio presenta il suo libro: il racconto di un dono.
“Aspettando te. Rimettersi in gioco” è il libro di Agata Florio che sarà presentato sabato 9 febbraio per l’intera giornata al centro commerciale Aurelia Antica di Grosseto. È la storia vera di Raffaele Giuliano, maremmano di Marina di Grosseto, che nello stesso giorno anni fa ricevette due notizie che gli cambiarono la vita: una diagnosi di leucemia e la rivelazione che la compagna aspettava un figlio. «”Aspettando te” – dice l’autrice, Agata Florio – è il mio secondo libro in un anno dopo “Quell’agosto del ’59. Dove tutto ha inizio” edito da Effigi e già in ristampa. Questa è invece un’autopubblicazione che prosegue il progetto di solidarietà iniziato con il primo volume: il tema è proprio il messaggio del dono, di qualsiasi natura si tratti. “Aspettando te” è la storia vera di Raffaele Giuliano: una storia di leucemia, che gli venne diagnosticata lo stesso giorno in cui la compagna gli rivelò di aspettare un figlio. Raffaele porta la sua testimonianza: grazie a una donazione di midollo ha subìto un trapianto, è guarito e ha cominciato a fare sport, pratica che favorisce la diminuzione delle terapie. E non solo, visto che è diventato campione mondiale di tennistavolo e organizzatore di campionati per emodializzati e trapiantati nel 2012. La sua storia infonde speranza, è proprio questo il messaggio che vogliamo diffondere». Raffaele Giuliano è consigliere Admo. E parte del ricavato dalla vendita di “Aspettando te” sarà devoluta proprio alle tre associazioni che negli ultimi anni l’hanno sostenuto durante il suo percorso: oltre all’Admo, Avis e Aned Sport. «Anch’io – ricorda Agata Florio – ho avuto un dono: una trasfusione mi ha salvato la vita. Anche per questo la storia di Raffaele mi ha toccato in modo particolare e ho voluto raccontarla. È la mia missione». Appuntamento con l’autrice sabato 9 febbraio al centro commerciale Aurelia Antica.

Commenta: