Follonica – I progetti autunnali del Cantiere Cultura

Il Comitato Cantiere Cultura in questi mesi non si è mai fermato.
Nonostante le difficoltà che ogni associazione si è trovata ad affrontare durante il periodo COVID abbiamo proseguito il nostro percorso orientato allo sviluppo culturale inclusivo della città e del territorio, attraverso attività di formazione, di progettazione e di partecipazione a bandi regionali.

Il risultato concreto è l’aggiudicazione, nel 2020, di due bandi della Regione Toscana negli ambiti dell’arte contemporanea e della rigenerazione urbana, che ci hanno permesso di mettere in campo un denso calendario di laboratori e di incontri pubblici, mirati alla sensibilizzazione sul tema dell’abitare e della cittadinanza attiva.

Già nel 2019 il gruppo di lavoro del Cantiere, in collaborazione con Cooperativa Arcobaleno e i Comuni di Follonica e Montieri, si era aggiudicato il bando “Toscanaincontemporanea 2019” con il progetto “La fabbrica della città”, che ha dato modo di attivare due percorsi partecipati (a Follonica e a Montieri) per la realizzazione di interventi artistici, nell’area ex-Ilva e nel borgo di Boccheggiano.

Il percorso si è ampliato quest’anno con due ulteriori tappe del percorso.

La prima “Mappe in movimento” è orientata alla “riappropriazione” degli spazi urbani da parte dei cittadini attraverso workshop, curati da Laura Scudella e Francesca Balducci, che porteranno i partecipanti (adolescenti e adulti) a riscoprire i quartieri in cui vivono, Senzuno e Cassarello, attraverso passeggiate guidate e successivi laboratori di mappatura “personale”, che faranno emergere storie, vissuti, emozioni dei cittadini di quei quartieri.

La seconda azione, “Ascolto il tuo cuore città”, è un progetto di mappa sonora della città di Follonica, realizzata grazie alla collaborazione di Andrea Gozzi. I suoni della natura, i rumori dei quartieri, le memorie (di adulti e adolescenti) legate ai luoghi saranno ascoltabili da tutti, online, e permetteranno anche di farsi guidare, grazie ad una app, in una visita alla città completamente inedita. Anche questo progetto sarà possibile grazie a un workshop, appena iniziato, di educazione al suono e all’ascolto, che sta coinvolgendo un gruppo di adolescenti.

Le stesse attività saranno realizzate anche a Montieri, comunità strettamente legata a quella di Follonica.

Infine i due percorsi daranno vita a due intense giornate di incontri pubblici, dove il tema della sensibilizzazione alla cittadinanza attiva e alla predisposizione all’ascolto e all’attenzione, nel senso più ampio del termine, saranno al centro. Interverranno alle due giornate i protagonisti del dibattito nazionale sui singoli temi: architetti, sociologi, ricercatori, musicisti.

A fianco di questo il Cantiere Cultura, insieme alla Biblioteca della Ghisa di Follonica, ha predisposto un programma per i mesi autunnali sui libri e sugli autori.

Una rassegna intitolata “Spaesati”, termine inteso in tutte le sue accezioni e significati, dallo smarrimento personale allo spopolamento dei paesi, fino ai temi del diritto alla cittadinanza italiana. Una parola quanto mai attuale dato in questo momento, sulla quale saranno chiamati a riflettere, e a farci riflettere, alcuni dei pià importanti scrittori e saggisti italiani: Tomaso Montanari, Teresa Ciabatti, Valeria Parrella, Jonathan Bazzi, Igiaba Scego.

Questa rassegna avrà un’anteprima questo fine settimana.

Sabato 3 ottobre la scrittrice e storica Vanessa Roghi, intervistata da Barbara Sandrucci, presenterà il suo testo su Gianni Rodari, “Lezioni di Fantastica”, realizzato in occasione dei 100 anni dalla nascita. L’incontro è in collaborazione con la rassegna teatrale Teatro on Air, che la sera proporrà il racconto di Rodari “La freccia azzurra” letto da Ascanio Celestini.

Il giorno dopo, domenica 4 ottobre, Sacha Naspini, intervistato da Mimmo Fiorani, parlerà del suo ultimo lavoro “Nives”: questo segnerà il primo appuntamento di “Spaesati” dove, partendo dal libro, il tema sarà declinato attraverso le vicende, i profili dei personaggi e le loro storie.

Commenta: