Campiglia Marittima – PER IL DECORO DEL TERRITORIO NECESSARIA LA COLLABORAZIONE DI TUTTI

La giunta fa appello alla cittadinanza per non sprecare risorse e avere un ambiente più curato.
La giunta di Campiglia Marittima fa il punto delle prime settimane di attività amministrativa rilevando che il principio ispiratore è stato da subito rappresentato dalla volontà di garantire a tutti i cittadini un territorio fruibile in sicurezza, in maniera gradevole e facilmente accessibile. Con questo obiettivo si è cercato di implementare le manutenzioni, incrementato le risorse per la raccolta dei rifiuti, per il taglio dell’erba e per il decoro urbano in generale. “La sensibilità nella cura dell’ambiente e del decoro urbano che i cittadini manifestano quotidianamente con importanti segnalazioni di interventi da eseguire costituiscono un forte propulsore per la messa in campo di quanto necessario per la comune soddisfazione ci trovano totalmente in sintonia” – afferma la Giunta di Campiglia Marittima –
“Le cose da fare sono veramente molte e, in tempi in cui la cittadinanza si aspetta delle risposte celeri in tempi brevi, purtroppo non sempre è possibile dare riscontro immediato, sia per le tempistiche amministrative, sia per la scarsità di risorse che sono dovute anche al fatto che non tutti tengono al decoro e che molte risorse vengono distolte dalla necessità di riparare danni ambientali, talvolta anche gravi, per colpa di coloro che non hanno alcun rispetto per i beni comuni”.

Per raggiungere migliori risultati dal punto di vista del decoro urbano la Giunta ritiene pertanto indispensabile la collaborazione di tutti nel mantenimento della cosa comune, evitando comportamenti scorretti e cattive abitudini, quali l’abbandono di immondizia in spazi non dedicati o in cassonetti sbagliati, l’abbandono di ogni tipo di oggetto per la strada o nei parchi, gli atti vandalici o il lasciare deiezioni in ogni area pubblica.
“Non citiamo nello specifico che cosa troviamo sul territorio per non dare adito a poco edificanti emulazioni – precisano la sindaca Ticciati e gli assessori – La nostra banca dati è ricca di esempi e ha anche una panoramica molto vasta della provenienza geografica della maleducazione che è ‘ben distribuita’ in ogni fascia della popolazione residente e non. Il Comune ovviamente interviene per riparare a questi disastri e impegna ingenti risorse economiche e tempo che potrebbe destinare più proficuamente a una cura maggiore di altri aspetti”.
“Occorre rimarcare che i cittadini del nostro Comune, da sempre molto attenti alla socialità – aggiunge la Giunta – possono rappresentare un’eccellente risorsa per l’innalzamento del livello di senso civico di cui tutti potremmo beneficiare. Anche a loro rivolgiamo un appello, oltre a farlo verso tutte le singole persone, per ripartire e far sì che a cominciare dai più piccoli si abbia a cuore il proprio territorio, il rispetto per il lavoro degli altri e il perseguimento di buone pratiche di vita”.
Nel frattempo la macchina comunale non si ferma ed è determinata a proseguire nel proprio intento intervenendo con fototrappole, telecamere e presidi territoriali volti a denunciare e a sanzionare. “Anche se preferiremmo poter incidere con la sola azione educativa – concludono – siamo consapevoli che rimane un rimedio immediato ed efficace contro il malcostume”.

Commenta: