SPUR, CITTA’ ETRUSCHE – FIRMATO A PERUGIA IL PROTOCOLLO CHE DA’ IL VIA UFFICIALE ALLA CANDIDATURA

Firmato il 19 giugno a Perugia, nella suggestiva cornice della Sala dei Notari , il protocollo d’intesa tra tutti i comuni partecipanti al progetto di candidatura unitaria delle “Spur – città etrusche” al patrimonio Unesco, tra cui anche Piombino.
Dopo la sottoscrizione, il 24 gennaio 2017, del protocollo d’intesa tra i Comuni di Perugia ed Orvieto in qualità di soggetti capofila, arriva oggi il nuovo protocollo, nel quale a quella del Sindaco Andrea Romizi per Perugia e del Sindaco di Orvieto Giuseppe Germani, si aggiungono anche le firme di Arezzo, rappresentato dal Sindaco Alessandro Ghinelli, di Formello (Roma), con il Sindaco Gian Filippo Santi, di Piombino, rappresentato dall’Assessore alla Cultura Paola Pellegrini, di Marzabotto, con il Primo Cittadino Romano Franchi, di Tarquinia e, infine, di Volterra, rappresentata dal Sindaco Marco Buselli, dando così –di fatto- il via libera alla redazione del dossier di candidatura. A coordinarlo saranno i professori Mario Torelli, per la direzione storica e archeologica e Paola Falini, per il coordinamento del gruppo di lavoro.
Le città partecipanti al progetto sono quelle che sono meglio rappresentative del concetto stesso di Spur, ovvero la città etrusca, in grado di riassumere in sè tre elementi caratterizzanti di queste ultime. Il primo, quello legato al sistema difensivo che ben si legge nelle città definite murate, caratterizzato da grande valenza paesaggistica così come dall’impatto derivato dalla possenza monumentale di alcune componenti; il secondo, è il riferimento alla religiosità nel particolare rapporto che gli Etruschi avevano con la divinità, il terzo, infine, riguarda l’esperienza ingegneristica di cui gli etruschi furono maestri.
Nell’ambito del progetto, dunque, Populonia è esempio di città di produzione, Perugia si caratterizza per l’unicità della sua cinta muraria, Orvieto quale sede del santuario federale del Fanum Voltumnae, Marzabotto è esempio unico di città pianificata, Veio (Comune di Formello) è unica per le testimonianze relative al sacro, Gravisca (comune di Tarquinia) è il porto etrusco a noi meglio conosciuto, Volterra è nota per l’articolazione dell’acropoli, Arezzo-Castelsecco è esempio del complesso suburbano tempio-teatro.
“Il modello di città lo hanno inventato i greci, intorno al concetto di agorà –ha spiegato il prof. Torelli- ma il loro era un modello debole. Gli etruschi vi hanno aggiunto un elemento fondamentale, quello religioso, che ha avuto la funzione di collante e che si ritrova, forte, nelle regole di costruzione delle città stesse, che poi i romani hanno fatto proprie. Per questo –ha aggiunto ancora il professore- ho voluto incentrare il progetto di candidatura, perché ritengo che il concetto di città etrusca, con questa forte base ideologica sia indistruttibile e mi auguro che l’Unesco voglia proteggere questi concetti che sono alla base della nostra identità.”
Secondo quanto previsto dal protocollo, il programma operativo della candidatura nella Tentative list Unesco proseguirà ora con quattro fasi: 1) definizione degli accordi fra le Istituzioni promotrici con nomina del gruppo di lavoro e raccolta dei documenti; 2) stesura del documento preliminare del dossier di candidatura, del format per la candidatura e del piano di gestione; 3) presentazione dei documenti elaborati agli organi competenti e redazione definitiva del dossier; 4) traduzione in francese o inglese dei documenti e consegna finale agli organi competenti.
“Si tratta di un progetto importante che consente di valorizzare lo straordinario patrimonio culturale di tutte le città partecipanti avvalendosi di un percorso di rete – afferma l’assessore alla cultura Paola Pellegrini – Una candidatura sinergica con la creazione di una strategia condivisa, di una messa a sistema in cui ogni città possa far confluire il proprio patrimonio culturale specifico, che per Piombino (Populonia) è la produzione metallurgica etrusca unita all’unicità del suo paesaggio.”

Commenta: