Roccastrada – affidata la progettazione per la nuova scuola di Ribolla

Il sindaco Limatola: “Altro passo in avanti per attuare finalmente l’intervento”.
La realizzazione della nuova scuola di Ribolla segna un altro passo in avanti e guarda al bando ministeriale che stanzierà risorse per l’edilizia scolastica, con scadenza fissata per il prossimo 23 giugno. Nei giorni scorsi il Comune ha affidato la progettazione dell’opera al Raggruppamento temporaneo di professionisti, RTP, che si è aggiudicato il bando pubblicato nei mesi scorsi ed è già a lavoro per consentire la partecipazione al bando ministeriale. L’obiettivo è ottenere risorse che vadano a integrare il contributo già stanziato dalla Regione Toscana, pari a 500 mila euro per il primo lotto della nuova scuola, e i 400 mila euro inseriti nel bilancio comunale per il 2018 con richiesta di un mutuo.
Passo avanti verso la nuova scuola. “La progettazione della scuola primaria e secondaria di primo grado di Ribolla – afferma Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada – segna un ulteriore passo in avanti in un percorso complesso ma da sempre prioritario per l’amministrazione comunale, impegnata da tempo per dare una nuova struttura scolastica a Ribolla. Grazie al supporto della Regione Toscana, che ringrazio, e allo stanziamento di risorse proprie stiamo lavorando per avviare, finalmente, il primo stralcio del progetto e dare risposte concrete alle richieste della comunità locale”.
Struttura e didattica attente al futuro. “La progettazione – continua Limatola – è partita dallo studio di fattibilità tecnico-economica portato avanti, nei mesi scorsi, dal gruppo di lavoro interno al Comune e che ha definito linee guida, materiali e funzioni della nuova struttura. Grazie al contributo di tutti i professionisti coinvolti, la scuola che realizzeremo a Ribolla guarderà alla sostenibilità ambientale e all’efficientamento energetico e sarà pronta ad accogliere e sviluppare in spazi adeguati una didattica moderna e attenta alla crescita e alla formazione dei nostri bambini e ragazzi”.

Commenta: