Piombino – “QUEL CHE RESTA DEL SOGNO”: PRESENTAZIONE LIBRO E INCONTRO CON GLI AUTORI

[adrotate banner=”6″]

Venerdì 26 ottobre alle 21:15 presso il Centro Giovani Giò de André in Viale della Resistenza si svolgerà la presentazione del libro “Quel che resta del Sogno” di Cesare Bindi e Laura Cinelli. All’incontro sarà presente l’autore, Cesare Bindi, il vicesindaco del Comune di Piombino Stefano Ferrini, Gianni Anselmi presidente Commissione cultura del Consiglio regionale della Toscana e, ospite speciale, il cantautore Riccardo Fogli. Previste letture dell’attore Italo dall’Orto. L’iniziativa è organizzata in collaborazione tra il Comune di Piombino, il Consiglio Regionale della Toscana e l’Associazione Cover Green.
Cinquant’anni di musica e il sogno di un bambino realizzato con caparbietà, determinazione, professionalità e magia. Questa è la sintesi della vita di Cesare Bindi, che ha fatto dei suoni, delle note e del ritmo la ragione della sua esistenza. Flautista di fama internazionale, considerato l’erede di Severino Gazzelloni, Bindi ha attraversato professionalmente mezzo secolo di storia italiana, dagli anni sessanta fino ad oggi, passando dalla musica pop a quella colta. Da Firenze, a Milano, a New York, all’Australia Bindi si colloca fra gli innovatori più interessanti degli anni a cavallo fra la fine del Novecento e il Duemila. Il libro “Quel che resta del sogno” ripercorre le tappe coraggiose della vita del musicista, ma anche dell’ uomo che con i suoi dolori, i suoi tormenti, le sue speranze è riuscito ad amare e a risollevarsi dai buchi neri e dalle difficoltà tragiche con cui spesso tutti noi dobbiamo confrontarci.
Cesare Bindi, nato a Massa Marittima, fiorentino d’adozione. Nel 1978 si diploma al Conservatorio “L. Cherubini“ di Firenze. L’attività musicale ha però inizio nel 1973 con tournée in Australia, Francia, Canada, Bulgaria, Germania, Svizzera, Lettonia, Croazia, Ungheria e Stati Uniti.
Nel 1981 partecipa al filmato del documentarista francese Frederic Roussif “L’Italia il cuore e la memoria” con Pavarotti, Abbado, Freni, I Solisti Veneti, l’Orchestra e il coro del Teatro alla Scala di Milano. Premiato nel 1985 a Firenze dal marchese Emilio Pucci come miglior flautista della sua generazione, ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. Esegue prime esecuzioni assolute e collabora con compositori come Berio, Testi, Nono. Ha collaborato con la “New Music Consortium” della “New York University”, nel 1987-88 è invitato a suonare alla “Carnegie Hall” e al “Lincoln Center” e nei Festival più prestigiosi del mondo collaborando con le più importanti orchestre. Ha vinto il premio “Flauto d’oro 2001” dedicato a Severino Gazzelloni.
Da settembre 2008-2016 ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Scuola di Musica di Fiesole.
Laura Cinelli Bucchioni nata a Empoli in una famiglia di musicisti. Fiorentina da sempre. Laureata in Storia dello spettacolo, una vita da giornalista fra cronaca, cultura e spettacoli, critica letteraria per passione. Dalla carta stampata al web, ha un blog di moda: “Armadio 21” e una pagina pubblica su Facebook “Il Mio Armadio”.

Commenta: