Piombino – POLEMICHE PER RIMOZIONE DELLO STRISCIONE DEL CAMPING CIG DALLA ROTONDA DELLA SOL

La rimozione dello striscione di Camping Cig alla rotonda della Sol ha dato la via ad una serie di polemiche. Il sindaco Massimo Giuliani sottolinea che il regolamento di Polizia Municipale, vieta l’affissione di striscioni o qualsiasi altro oggetto simile anche in spazi privati, in assenza di autorizzazione da parte del Comune. Nonostante questo, per quattro anni, l’associazione Camping Cig ha potuto utilizzare gli spazi pubblici, anche adiacenti a monumenti importanti in centro città senza alcun intralcio da parte dell’amministrazione comunale che, al contrario, ha sempre dato il suo supporto in tal senso: cita gli esempi in questo senso.
Questa volta siamo venuti incontro alle numerose richieste di cittadini che ci hanno interrogato sull’opportunità di continuare a utilizzare la rotonda all’entrata di Piombino per quel tipo di messaggi, avanzando dei dubbi sull’immagine che veicola in estate sull’unica via di accesso. E la rimozione è avvenuta dopo che Camping Cig era stata invitata dal Commissariato a togliere lo striscione, senza risultato.
Contro la rimozione adducendo motivi diversi peraltro legittimi sono arrivati da Rifondazione comunista e da Legambiente. La prima non ritiene che i simboli della lotta dei lavoratori all’ingresso di Piombino rovinino l’immagine della città ai turisti che vi si avvicinano e la seconda che dice l’immagine della città non appariva distorta ed era rappresentata con puntualità la realtà dei fatti di una firma che non ha valore se non ci sono precisi impegni.

Commenta: