Piombino – INAUGURAZIONE BELVEDERE INTITOLATO A CARLO AZEGLIO CIAMPI

Si svolgerà venerdì 29 giugno alle ore 17:00 la cerimonia di intitolazione dell’area tra Piazza Cittadella e Piazza Manzoni al Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi scomparso nel settembre 2016.
L’intitolazione di un luogo cittadino all’ex Presidente della Repubblica era stata proposta nel 2017 dal Sindaco Massimo Giuliani che aveva sottolineato lo stretto legame che legava Ciampi alla città di Piombino: fu infatti il Presidente Ciampi che nell’ottobre del 2000 aveva insignito la città di Piombino della Medaglia al Valor militare, riconoscendo alla città l’importante attività resistenziale ed antifascista durante la seconda guerra mondiale.
La giunta comunale ha individuato il luogo da intitolare al Presidente emerito, il belvedere che collega piazza Cittadella a piazza Manzoni, ed è partito l’iter amministrativo per l’intitolazione che si è concluso nelle settimane passate.
“Sono molto orgoglioso che l’iter di intitolazione si sia concluso positivamente” afferma il Sindaco Massimo Giuliani “l’ex Presidente Ciampi, oltre che nostro “cugino” livornese, è stato colui che ha fornito il decisivo impulso al percorso di verità che il Comune di Piombino aveva intrapreso sin dagli anni ‘70 e che aveva portato nel 1979 alla consegna alla nostra città della Medaglia d’argento al Valor Militare per mano dell’allora Presidente della Camera, Nilde Iotti. E’ stato però grazie al Presidente Ciampi, ed alle ostinate ricerche dello storico piombinese Ivan Tognarin, che Piombino ha finalmente visto riconosciuto il suo posto nella storia della Resistenza: nell’ottobre del 2000 infatti il Presidente Carlo Azeglio Ciampi, accompagnato da il ministro della Difesa Sergio Mattarella e dal presidente della Regione Claudio Martini, ha appuntato al tricolore la Medaglia d’Oro al Valor Militare.
Per questo motivo sono particolarmente contento di poter intitolare una zona cittadina centrale e di pregio al Presidente emerito, addirittura il primo “belvedere” nella toponomastica cittadina: un tributo dovuto ad un uomo che tanto ha avuto a cuore la nostra città.”

Commenta: