C’è la firma sul contratto per l’illuminazione delle Mura

Firmato il contratto per l’illuminazione delle Mura medicee di Grosseto. Un altro passo importante nell’operazione di rilancio del monumento cittadino. L’atto è stato sottoscritto oggi – giovedì 27 settembre – negli uffici del municipio e adesso occorreranno i tempi tecnici e procedurali per passare dalla carta alla realtà. Dopodiché inizieranno i lavori, ulteriore step che l’Amministrazione comunale comunicherà ai cittadini.

Si tratta di un appalto da 300mila euro che permetterà di dare luce alle Mura grossetane attraverso un progetto esecutivo che tiene conto dei singoli tratti del percorso ciclo-pedonale e delle zone verdi. Nel dettaglio: per il percorso riservato a pedoni e ciclisti è stata utilizzata un’ottica di tipo stradale attraverso l’utilizzo principalmente di pali. Nelle zone verdi ci saranno invece mini-proiettori. In entrambi i casi si è tenuto conto della necessità di garantire maggiore sicurezza sul monumento e allo stesso tempo maggiore decoro.

“Questo è un momento importante per la nostra città – dice il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna -: il contratto è stato firmato e presto inizieranno i lavori che doteranno le Mura dell’illuminazione che si meritano. Mi concentro sull’aspetto sociale e su quello della sicurezza: il nostro obiettivo è riconsegnare alla città il monumento, dando ai cittadini la possibilità di poter beneficiare di questa ricchezza. La luce si traduce quindi in una garanzia di maggiore fruizione, più decoro e nell’allontanamento di coloro che non sono ospiti graditi, piccola criminalità e vandali. Al loro posto vogliamo vedere le famiglie, i giovani, i bambini, che passeggiano, che si dedicano allo sport e che si godono le iniziative, che stiamo creando con grande successo”.

“Togliamo la polvere dai simboli della nostra città – spiega il vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Agresti – e li riportiamo a splendere: lo facciamo con investimenti importanti e coraggiosi, che non si limitano a piccoli interventi ordinari, ma che si traducono in operazioni che assumono un alto spessore anche dal punto di vista sociale e culturale. Guardiamo al futuro e per le Mura lo facciamo attraverso un impegno che coinvolge più settori del Comune, dalla Cultura ai Lavori pubblici fino alla Sicurezza, al Commercio e al Sociale. E soprattutto con un’Istituzione, l’Istituzione Le Mura, tutta dedicata al monumento, dotata di una programmazione ben definita e che sta portando risultati importanti”.

“Il contratto appena firmato prevede, come da progetto, l’installazione di oltre cento punti luce sulle nostre Mura – dice Riccardo Megale, assessore ai Lavori pubblici -: all’aspetto della valorizzazione e del rispetto del patrimonio culturale si è unito quello della necessità di garantire la sicurezza. Per questo le scelte del tipo di punti luce si è basata sulle necessità delle singole porzioni del percorso, bastioni, pista ciclo-pedonale, spazi verdi, aree polivalenti. Tutto studiato nei minimi dettagli e con un occhio di riguardo all’aspetto del risparmio energetico, come previsto dalle ultime normative. Adesso, come da contratto, attendiamo l’inizio delle opere, che sarà puntualmente comunicato”.

Commenta: