Campiglia Marittima – CONTI IN ORDINE, RISORSE PER LE IMPRESE E LAVORI PUBBLICI

Agevolate le tariffe, rimodulate le entrate e le uscite per l’assestamento, applicato l’avanzo per procedere nella ristrutturazione della sala della musica, effettuare la manutenzione del cimitero, realizzare opere per la sicurezza idraulica e sulla viabilità

Un consiglio comunale di peso quello di oggi, dove l’amministrazione comunale ha messo in atto attraverso il riequilibrio di bilancio che ha permesso di trovare le risorse necessarie, le azioni destinate ad aiutare tutte le imprese e la ripresa economico produttiva del territorio, oltre a una serie di lavori pubblici rilevanti.
La manovra portata all’attenzione del consiglio mette sulla viabilità generale 370.000,00 euro dall’avanzo vincolato derivante dalle sanzioni al codice della strada. Per gli edifici scolastici si destinano 40.000 euro dell’avanzo vincolato. E poi è di 506.493,00 euro l’avanzo destinato agli investimenti individuati nella ristrutturazione della Sala della musica (120.000,00), nella manutenzione del cimitero, nella realizzazione di opere per la prevenzione del rischio idraulico.
Complessivamente poi, tutte le agevolazioni per le attività produttive, ammontano a 292.000 euro, di cui sono destinate alla Tari ben 200.000,00 euro. La variazione di bilancio riguardante la verifica degli equilibri e l’assestamento ha dunque prodotto un buon risultato, nel quale si evidenziano le risorse necessarie per finanziare l’agevolazione delle Tari e l’azzeramento della Cosap ben oltre quanto la legge nazionale ha già previsto.
Le tariffe della Tari vengono ridotte a tutte le imprese, con percentuali che variano dal 30 al 7 per centro, quindi partendo da chi ha bloccato la produzione a causa della pandemia a chi invece il lockdown ha comportato una riduzione meno marcata del reddito. Anche sulla Cosap, che lo stato ha previsto di azzerare da maggio ad ottobre 2020, il Comune di Campiglia ha deciso di intervenire estendendo l’azzeramento per tutto l’anno 2020 per tutte le attività, non solo quindi i pubblici esercizi, ma anche tutte le altre attività commerciali soggette all’imposta.
Per quanto riguarda l’Imu, viene applicata l’aliquota agevolata dello 0,56% sugli immobili appartenenti alla categoria catastale C1 per i quali il proprietario abbia ridotto di almeno il 20% l’importo del canone annuo richiesto al locatario nel 2020 (tale agevolazione è subordinata alla presentazione di un’autocertificazione all’Ufficio tributi).
Rilevante anche l’adesione all’accordo conciliativo tra l’Autorità Ato –Toscana Sud e Sei Toscana Srl in virtù del quale, Sei, sconta la fattura a Cassa Depositi e Prestiti, con il risultato che il Comune può liquidare le fatture a 180 giorni anziché 60.
“Credo che possiamo essere orgogliosi della gestione del nostro bilancio, scelte politiche e uffici efficienti assicurano alla nostra comunità azioni che vanno ad incidere in maniera molto positiva sull’economia e sul benessere generale della collettività – dichiara l’assessore al bilancio e finanze Matteo Brogioni – con il consiglio di oggi si chiude un cerchio al quale stiamo lavorando praticamente dall’inizio della pandemia che ha coinvolto la giunta in modo intensivo”. “In sostanza con questi atti si prosegue nel mantenimento degli impegni che ci siamo assunti con la comunità – prosegue Brogioni – abbiamo avuto, come abbiamo detto altre volte, un costruttivo confronto con categorie e operatori economici per misurarci con risposte concrete attraverso riduzioni tributarie e meccanismi di leva fiscale”.

Commenta: