Asl Toscana Nord Ovest – Lutto, morto a Piombino il neurologo Renato Bettini. Il ricordo del primario Giuseppe Meucci

PIOMBINO, 9 febbraio 2021 – L’Azienda USL Toscana nord ovest esprime il proprio cordoglio per la scomparsa, all’età di soli 65 anni, del dottor  Renato Bettini, neurologo in servizio fino a pochi mesi fa all’ospedale Villamarina, mancato per una terribile malattia che lo ha strappato in brevissimo tempo all’affetto dei suoi cari.

Nato e cresciuto a Venturina, era stato una colonna della squadra locale di basket, dove ha sviluppato la grinta e la capacità di una visione allargata degli schemi di gioco, che ha saputo poi riportare nell’approccio all’organizzazione del lavoro in ospedale e nel territorio. Dopo l’esperienza fatta all’inizio della carriera come medico di medicina generale, aveva lavorato prima alla Medicina di Campiglia Marittima e successivamente era stato trasferito alla Neurologia di Villamarina dove era divenuto responsabile della sezione locale fino allo scorso anno quando era andato in pensione.

Questo il ricordo del dottor Giuseppe Meucci, direttore dell’Unità operativa complessa di Neurologia di Livorno.

Renato è stato una figura da tutti conosciuta e apprezzata, per la competenza in campo neurologico, per la preparazione e lo spessore dimostrato nell’approccio clinico, per la capacità di porsi con misura nei vari ambienti e nei diversi periodi che hanno visto il suo impegno nel Sistema Sanitario. Con intelligenza, con metodo, con intuizioni strategiche, lungo gli anni ha saputo costruire reti di collaborazione per offrire risposte di valore al suo territorio. Con la tua lunga figura, educata, non imponente, mai supponente, con il tuo pensiero profondo, nelle analisi critiche e nelle sintesi cliniche, sempre espresso con decisione, ma insieme con modestia e all’occorrenza con autoironia.

Ti ringraziamo per il contributo che hai dato a ciascun collega, favorendone la crescita professionale, e per la cura con cui ti sei fatto carico di tante persone ammalate, che hanno trovato in te un tutor di fiducia. Per tutto questo la tua traccia rimane come un orientamento positivo per tutti, superando gli innumerevoli ostacoli e sublimando l’infinita pazienza che hai dimostrato in questo ultimo difficile mese. Ci mancherai, caro Renato. Anzi, ci manchi già!
Grazie, Renato”.

Alla famiglia giungano le condoglianze della direzione e di tutti i colleghi.

Commenta: