Alla “Città visibile” si parla di Grosseto

Il programma di mercoledì 13 giugno: due incontri dedicati alla città.
Due incontri dedicati a Grosseto. Prosegue fino a lunedì 18 giugno la Città visibile, la grande manifestazione d’arte e di animazione culturale promossa da Fondazione Grosseto Cultura con il Comune di Grosseto, la partnership con l’Istituzione Le Mura e il sostegno del Consorzio tutela vini Maremma Toscana, Artex, Confartigianato, Cna, Confcommercio, Centro commerciale naturale e Sistema. E il programma di mercoledì 13 giugno, nell’ambito della rassegna “Il lavoro culturale” allestita in piazza Dante, prevede due appuntamenti incentrati sulle idee di città. Si comincia alle 18 (in caso di pioggia l’incontro sarà rinviato a data da destinarsi) con i giornalisti del quotidiano Il Tirreno e il direttore di Clarisse Arte, Mauro Papa, che incontrano i cittadini per discutere delle proposte maturate durante il Cantiere di “Piazze nuove”: una ruota panoramica in piazza, un locale hip hop, una festa d’arte in un boschetto, un luogo d’incontro nella Cittadella dello studente. Alle 21, sempre in piazza Dante (in caso di pioggia tutto rinviato a venerdì 15 giugno, dopo l’estrazione dei passaporti), è in programma un incontro organizzato dalla Libreria delle ragazze con Raccontincontri, Centrodonna e Olympia de Gouges: “La città delle donne tra paura e libertà”. Letture e performance su vari temi, tra i quali una grande mappa della città su cui segnalare i luoghi più sicuri per le donne e i dati in merito a come le donne vivono la città. E ancora: dati su violenza, stalking e molestie, lentezza, socialità e spazi comuni. Anche per cercare di rispondere alla domanda: “Davvero la città della cura è un’utopia?”. In piazza Dante resteranno esposti fino a lunedì 18 giugno gli stand dedicati a enti, associazioni e operatori locali: oltre a Fondazione Grosseto Cultura ci sono la Biblioteca Chelliana, Fondazione Bianciardi, Istituto Gramsci, TartAmare, Insieme, Jacaranda, Collegio dei geometri, Maremma Magazine, Rete antidiscriminazione e Polo scolastico Bianciardi, oltre alla Stazione Duchamp, aperta a chiunque voglia esporre le proprie opere. E a Clarisse Arte, in via Vinzaglio, resta aperta al pubblico (dalle 16 alle 19) la rassegna “Proposte alt(r)e e malpensanti”: la mostra fotografica “Alfabeti urbani, le parole della città” con i lavori promossi da uno dei laboratori di Città visibile, “Cap58100-Piazze nuove” con le idee di città per reinventare i luoghi dell’incontro, “Solitudini urbane” con i dipinti della collezione Tarquini, la proiezione in loop del documentario “Tirar su una città non è cantare una canzone” di Luigi Zannetti per il progetto di Isgrec e Ance, e i manifesti di tutte le edizioni di Città visibile, dal 2008 al 2017.

LA CITTÀ VISIBILE 2018 – 8/18 GIUGNO: GLI EVENTI

11-18 giugno, piazza Dante
PIAZZA D’ARTE / IL LAVORO CULTURALE

Mercoledì 13 giugno, piazza Dante
ore 18: incontro “Piazze Nuove”

Mercoledì 13 giugno, piazza Dante
ore 21: incontro “La città delle donne”

Giovedì 14 giugno, piazza Dante stand RAG
ore 17 – 20: “Biblioteca vivente”

Giovedì 14 giugno, piazza Dante
ore 21: incontro “Altri politichesi”

Venerdì 15 giugno, piazza Dante
ore 19: estrazione del Passaporto dell’Arte

Venerdì 15 giugno, piazza Dante
ore 21: incontro “La città invisibile”

Sabato 16 giugno, piazza Dante
ore 18: inaugurazione mostra su Andrea Pazienza

Sabato 16 giugno, centro storico: LA NOTTE BIANCA DELLA CULTURA

Commenta: