[adrotate banner=”6″]

Giovedì 1 novembre aperta mattina e pomeriggio
Prosegue fino al 4 novembre la mostra “Faccia a Faccia” presso la chiesa duecentesca di Sant’Antimo sopra i Canali nel complesso ex ospedale di via Cavour e, nella giornata del 1 novembre, rimarrà aperta tutto il giorno, la mattina dalle 10 alle 13 e il pomeriggio dalle 16,30 alle 19,30.
Inizialmente prevista fino a domenica 28 ottobre, la mostra è stata prolungata per venire incontro alle richieste dei molti visitatori, oltre 2.000 ad oggi senza considerare le molte classi delle scuole primarie e secondarie. Un riconoscimento che non è solo locale, perché recentemente la mostra è stata inserita nel calendario nazionale della XVII “Settimana della cultura d’impresa” dal 9 al 23 novembre, organizzata da Museimpresa, associazione italiana archivi e musei d’impresa, e da Confindustria nelle maggiori città italiane (Milano, Genova, Firenze, Napoli, Sesto San Giovanni ecc.). La settimana, dal titolo “La cultura industriale. si inserisce nel calendario italiano dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018, e prevede circa 70 eventi in città diverse, compreso Piombino,con l’obiettivo di leggere, attraverso il patrimonio culturale delle imprese, la storia del Paese.
D’accordo con Fondazione Dalmine quindi, la mostra chiuderà ufficialmente il 4 novembre ma non sarà smontata per consentire eventuali altre visite da parte di gruppi e scuole interessate, su prenotazione, nel periodo della settimana della cultura d’impresa.
Il progetto “Facci a Faccia” è un progetto di Fondazione Dalmine, in collaborazione con il Comune di Piombino, il Comune di Follonica, l’Archivio Città di Piombino e il museo MAGMA di Follonica. Una selezione di 25 immagini è esposta anche al museo MAGMA di Follonica, ospitato negli spazi del Forno San Ferdinando da sabato 13 ottobre.
Info
Archivio storico della Città di Piombino 0565 63357-63361 | archiviostorico@comune.piombino.li.it | www.comune.piombino.li.it
Fondazione Dalmine 035 5603418 segreteria@fondazionedalmine.org | www.fondazionedalmine.org

Commenta: